Attenzione! Versione di Microsoft Internet Explorer non supportata.

La versione in uso di Microsoft Internet Explorer è precedente all'ultima supportata.
Abbiamo scelto di non supportare questa versione per garantire la massima esperienza di navigazione del sito.

Risolvi i tuoi problemi aggiornando all'ultima versione di Microsoft Internet Explorer o scaricando un browser alternativo:

Ti piace cucinare e mettere sui fornelli nuove idee?
Mandaci le tue ricette più sfiziose e interessanti dove le protagoniste sono loro, le gustose rape rosse!

Articoli della categoria Approfondimenti

Icona: categoria Approfondimenti

A salad a day keeps stroke away?

Postato il   /   Approfondimenti

Un recente studio pubblicato sul American Journal of Clinical Nutrition, sembra dimostrare che il consumo quotidiano di verdure come lattuga, spinaci e barbabietole, ricche di nitrati, prevenga ICTUS e ATTACCHI di CUORE.

Durante la digestione, i nitrati si trasformano in ossido nitrico che dilata i vasi sanguigni, aiutando così a ridurre naturalmente la pressione sanguigna.

I ricercatori hanno studiato 1226 donne anziane con problemi di aterosclerosi (grosse placche arteriose, spesso causa di ictus) seguendole per ben 15 anni, scoprendo che le signore che consumavano maggior quantità di nitrati, avevano un rischio minore di morire per malattie cardiovascolari.

Certo non è ancora una prova della diretta correlazione tra causa ed effetto ma, di sicuro, è un buon punto di partenza.

Inoltre, la stessa ricerca ha dimostrato che le signore che consumavano verdure ricche di nitrato vedevano ridotte le placche carotidee già esistenti.

Un ottimo risultato dal momento che questo riduce notevolmente i rischi cardiovascolari!

Icona: categoria Approfondimenti

Forse si potrà “cavar sangue dalle rape”!

Postato il   /   Approfondimenti

Le barbabietole contengono una emoglobina vegetale che potrebbe dare origine ad un sostituto del sangue, una sorta di “sangue artificiale” da usare in caso di trasfusioni.

La barbabietola contiene infatti una proteina che potrebbe diventare un ottimo sostituto del sangue.

Resa nota dalla BBC, la scoperta si deve ad un gruppo di scienziati svedesi e prende le mosse da un loro studio riportato sulla rivista “Plant & Cell Physiology”.

Da questo studio sembra che la barbabietola sia ricca di una sorta di “versione vegetale” dell’emoglobina, qualcosa di molto simile, dal punto di vista molecolare, all’emoglobina umana.

Questa proteina potrebbe diventare un ottimo sostituto del sangue.

Ovviamente siamo solo all’inizio, e la strada è ancora lunga, ma nei prossimi anni si potrebbe trovare il modo di “impacchettare” l’emoglobina nella barbabietola in una forma compatibile con il sangue umano.

 

Icona: categoria Approfondimenti

+ barbabietole = + MEMORIA

Postato il   /   Approfondimenti

Il Wake Forest Science Center di Winston-Saleme, nello Stato della Carolina del Nord, ha condotto uno studio pubblicato sulla rivista medica Biology and Chemistry, secondo il quale assumere regolarmente succo di barbabietola migliorerebbe sensibilmente la memoria.

Gli studiosi hanno esaminato le capacità intellettive e mnemoniche di un gruppo di persone, sottoponendole ad una risonanza magnetica proprio mentre eseguivano determinati test intellettivi. In seguito hanno chiesto a queste persone di bere un bicchiere di succo di barbabietola ogni giorno per quattro giorni.

Al termine dei quattro giorni hanno ripetuto i test  scoprendo che le capacità intellettive, ragionamento e memoria, erano notevolmente migliorate.

A questo vi è una spiegazione scientifica in quanto i nitrati, presenti in grandi quantità nelle barbabietole, dilatano i vasi sanguigni e migliorano la circolazione proprio nei lobi frontali, l’area del cervello che presiede alla memoria e al ragionamento.

Nulla di strano dunque, o di cui stupirsi, il succo di barbabietola è un ottimo alleato della nostra memoria.

Icona: categoria Approfondimenti

DETOX: molto più di un semplice ortaggio

Postato il   /   Approfondimenti

Grazie alla naturale stimolazione dei succhi gastrici e della bile, le barbabietole esercitano una importante azione depurativa dell’organismo, mentre l’elevato contenuto di fibre agevola l’attività intestinale e la digestione favorendo anche in questo modo la funzione depurativa.

Ricche di beta-caroteni, flavonoidi e carotenoidi, le barbabietole sono un potente alleato nella cura e disintossicazione del fegato, soprattutto per coloro che soffrono di fegato grasso, come dimostrato da uno studio pubblicato nel 2012 sul “New England journal of medicine” in cui si dimostrava che l’assunzione costante di antiossidanti, presenti in grande quantità nelle rape rosse, riduce l’infiammazione e il livello di grasso nel fegato.barba